Press "Enter" to skip to content

Frosinone- Nulla di fatto per operai Videocon e altre migliaia di lavoratori, è guerra

Condividi:
Ascolta con webReader
Dopo la riunione andata deserta questa mattina a Roma presso la Regione Lazio, migliaia di lavoratori della Vertenza Frusinate insorgono.

 

 

Tante speranze infrante. È questo il risultato di una giornata che tante famiglie attendevano per capire che ne sarà del proprio futuro. Ma a quanto ci riferiscono fonti interne al movimento Vertenza Frusinate, la riunione prevista questa mattina in Regione Lazio tra, appunto, gli amministratori regionali, i sindaci e i sindacati, sarebbe stata un vero “flop” e sarebbe andata quasi deserta. “Se è questo l’interesse che hanno le istituzioni su migliaia di famiglie che sono in mezzo ad una strada, siamo disperati”. A Giugno solo di operai ex Videocon saranno circa in 350 a rimanere senza più neanche i sussidi della mobilità. Impossibile ricollocarsi quasi per tutti, tranne per qualche giovane che ha trovato un part time o un impiego in altre ditte. Ma nel 90% dei casi le famiglie sono rimaste appese agli ammortizzatori sociali per uno, due, tre o quattro anni a seconda dell’età del dipendente. Gli ultimi termineranno i sussidi nel 2017. Poi il nulla. Sono più di 1000 ad oggi gli ex dipendenti Videocon che sono rimasti a casa senza alcuna speranza. Questo pomeriggio in moltissimi si erano dati appuntamento presso la Provincia di Frosinone, che ormai è diventata una sorta di punto di riferimento visto l’interesse da sempre dimostrato dal presidente Pompeo a questa vertenza che, lo ricordiamo, conta migliaia e migliaia di operai non solo Videocon ma anche di molte altre aziende come Ilva, Siderpali etc. Quello che gli operai chiedono è una alleanza del territorio per far sentire la propria voce alla Regione per trovare soluzioni corali, che in altre regioni come la Puglia sono state trovate a sostegno del reddito o con progetti per dare lavoro a chi l’ha perso. L’ira dei manifestanti si scaglia soprattutto contro il Governatore della regione Zingaretti, colpevole secondo il Comitato di disinteressarsi della faccenda e dall’altro i sindaci della provincia di Frosinone dal momento che solo in 7 si sono presentati all’ultima assemblea convocata in Amministrazione provinciale il 7 marzo scorso e ancor meno sono stati oggi alla riunione deserta in Regione. Il comitato annuncia a breve azioni clamorose perché la situazione è arrivata al limite. Migliaia di lavoratori senza più reddito e le loro famiglie dietro. Un vero dramma per la provincia ma che vede l’intero Lazio nelle stesse condizioni con una stima di 350 mila persone senza più uno straccio di lavoro. Il Presidente Pompeo pare continui ad insistere nel tentativo di coinvolgere i colleghi sindaci e starebbe convocando l’ennesima riunione per provare a far fronte comune per avere più peso nella trattativa.

 

Andrea Tagliaferri

Be First to Comment

Lascia un commento

Mission News Theme by Compete Themes.