0

Alatri – Pamela Paolucci si presenta agli elettori

Ascolta con webReader
La trentenne, studentessa di giurisprudenza, ha scelto “Alatri nostra” e Enrico Pavia come candidato a sindaco.

 

 

pamela paolucci“Per le elezioni amministrative del 05 Giugno 2016 ho accettato la proposta di essere candidata nella lista civica “ALATRI NOSTRA” con candidato a sindaco Enrico Pavia. Mi chiamo Pamela Paolucci,ho trent’anni e fin da bambina ho nel cuore la politica e la giurisprudenza (sto conseguendo la laurea magistrale di giurisprudenza con ordinamento Istituzioni e poteri pubblici,non nego il mio fuori corso per motivi personali e piuttosto delicati). Perché ho scelto di candidarmi?  Perché sono stanca di guardare e aspettare un cambiamento che fino ad oggi non ho visto. Alatri è una città invidiabile dal punto di vista architettonico con le sue mura ciclopiche,dal punto di vista culturale,paesaggistico e religioso con il miracolo dell’Ostia Incarnata. Alatri è unica nel suo essere ma purtroppo  nessuna caratteristica è stata apprezzata. Alatri è una città morta,senza turismo,senza commercio senza attività ricreative per i giovani e con tanta disoccupazione giovanile e non.

Alatri Nostra è nostra e noi l’amiamo anche così ma io so che potrebbe diventare una città straordinaria, per tale ragione ho deciso di metterci la faccia,di agire e soprattutto rappresentare quei concittadini stanchi della solita politica pettegola basata sull’accusare l’altro per sentirsi il più forte e quelli che vogliono vedere distrutta quella politica che “ predica bene e razzola male”,quella politica che noi tutti diciamo “sporca”e quella politica senza legami parentali. Un vero politico è colui che agisce,che consegue il bene comune non quello che accusa,che evidenzia gli errori altrui ma dopo poco cade negli stessi errori perseverando. Voglio lottare per questo.

Molti miei amici e parenti,dopo la mia scelta mi hanno detto cosa pensi di fare tu di diverso? A loro ho risposto che amo il mettermi in gioco e non voglio restare a guardare passivamente il mio futuro nelle mani di qualcuno che potrebbe distruggerlo, ho senso civico, amo follemente gli animali e questo sarò uno dei miei obiettivi cercare di ridurre il randagismo con azioni mirate e soprattutto creare aree riservate ai nostri amici a 4 zampe,individuando zone che possono  essere adibite a questo scopo,ovviamente le problematiche da risolvere sono molte a partire dalla manutenzione ordinaria e straordinaria,commercio,turismo,barriere architettoniche etc. non scendo nei particolari in queste poche righe (ma sono disposta con tutta la mia squadra a spiegarvi in dettaglio il nostro programma) e ad ascoltare le vostre necessità e i vostri disagi. Noi siamo Voi e per questo il nostro operato avrà l’obiettivo di raggiungere il bene dell’intera comunità e non semplicemente dei nostri tornaconto. Voglio mettere a disposizione del nostro paese  il mio tempo,la mia passione,la mia grinta e le mie capacità. 

Spero di averne la possibilità. Concludo con una frase di Paolo Borsellino : “La rivoluzione si fa nelle piazze con il popolo, ma il cambiamento si fa dentro la cabina elettorale con la matita in mano. Quella matita, più forte di qualsiasi arma, è più pericolosa di una lupara e più affilata di un coltello.” Quindi cari concittadini andate a votare non siate sfiduciati e menefreghisti  il futuro è nelle nostre mani e se vorrete darmi fiducia votandomi,porterò in consiglio comunale  la mia tenacia e la mia,ma sono sicura che è anche vostra,voglia di far tornare a sorridere ALATRI NOSTRA e personalmente credo che il nostro candidato a sindaco Enrico Pavia è l’unico tra gli aspiranti sindaci in gioco in grado di risollevare Alatri dallo stato di degrado in cui si trova dopo anni di cattiva amministrazione visto come,in passato, ha retto l’assessorato all’ambiente e all’agricoltura.”

Pamela Paolucci

Condividi:

Lascia un commento