0

Frosinone – Noi con Salvini verso il Coordinamento regionale

Ascolta con webReader

Dopo l’appuntamento di Pontida della settimana scorsa riparte in pieno l’attività politica del Leader Matteo Salvini e del suo movimento Noi con Salvini qui in provincia di Frosinone. Interviene la Coordinatrice Provinciale l’avvocato Kristalia Rachele Papaevangeliu “Prima di addentrarmi per illustrare l’importante evento tenutosi a Pontida, da donna del sud Italia e d’Europa non posso non congratularmi con il mio Coordinatore Regionale il senatore Gianmarco Centinaio che si è prontamente attivato convocando subito dopo Pontida, il Coordinamento Regionale, che si terrà la prossima settimana a Roma , dando così seguito alle indicazioni del leader Matteo Salvini, di radicare maggiormente sul territorio e quindi anche nella nostra provincia il Movimento voluto da Matteo Salvini. L’appuntamento di Pontida è stato un successo per il Segretario Salvini, in quanto su quel prato, per la prima volta è riuscito a far coesistere due anime diverse, quella meridionale che si identifica nel progetto di NCS e quella storica leghista. Dopo Pontida, il leader Salvini può continuare con forza nel perseguire il suo progetto di creare un movimento identitario e che intende riconquistare quella sovranità, che oggi appartiene ad un Europa dei banchieri e dei burocrati non eletti, che tende ad imporre dall’alto politiche economiche di austerity. Queste politiche economiche restrittive hanno determinate una serie di conseguenze negative quali: un aumento del debito pubblico, un aumento della tassazione e un aumento della disoccupazione. L’Europa dei banchieri e dei burocrati ha fallito non solo nel campo economico-sociale, ma anche su altri fronti. A livello culturale le politiche laiciste hanno affievolito la nostra identità cristiana e indirettamente hanno agevolato l’avanzare dell’Islam che si pone come obiettivo prioritario, l’egemonizzazione non solo dell’Europa, ma possibilmente di tutto il mondo. Sul piano della politica estera, l’Europa si è dimostrata sempre incapace di risolvere, i vari conflitti che in questi anni abbiamo assistito, in quanto vi è la mancanza, da parte dei singoli Stati che la compongono, di una visione unitaria e di guida. L’Europa è unita solo dal punto di vista economico attraverso una moneta (l’Euro), voluta esclusivamente, per gli interessi di una ristretta élite globale le banche e le aziende multinazionali. Di fronte ad un Europa di banchieri, la Lega – NCS con il suo Segretario Salvini, propone un’Europa diversa, quella che il compianto Professore, nonché Senatore della Lega Gianfranco Miglio portò avanti, ossia l’Europa delle macro-regioni. Di fronte a tale situazione concordo con il progetto di Matteo Salvini di dar vita ad un movimento, unito dal Trentino alla Sicilia, che abbia come punti cardini: LIBERTA’, IDENTITA’, SOVRANITA’. Oltretutto, siamo in pieno fervore per la diffusione delle ragioni del No al Referendum costituzionale del prossimo 4 Dicembre. Data in cui l’Italia dovrà unirsi nell’intento di bloccare questa manovra di sovvertire l’ordine costituito”.

Condividi:

Lascia un commento