0

Arpino – “Primae inter Pares”: premiata Roberta Baldassarra, riconoscimento alla Pedagogia

Ascolta con webReader

 

roberta baldassarraAd Arpino ieri,  Venerdi 2 Dicembre, nella giornata internazionale contro la violenza sulle Donne, nella magnifica cornice offerta dalla location “il Cavalier D’Arpino”, l’Associazione S.O.S Donna ha promosso il “ Primae inter Pares”. Organizzato con il patrocinio del Senato della Repubblica, della presidenza del Consiglio Regionale del Lazio e della Provincia, in collaborazione con il centro studi “Ciceerone”, l’Aipes e l’ Osservatorio Ciceroniano sulla Mediazione. Un premio che conclude un importante percorso per sensibilizzare il fenomeno del femminicidio con la premiazione di  Donne Eccellenti che si sono distinte per il loro contribuito nel campo della scienza, della medicina, dell’imprenditoria ma  soprattuto un riconoscimento a Donne capaci di dar  esempio di forza e resilienza. Un momento profondo capace di andar oltre i dovuti formalismi e di lasciar traccia e brividi su ogni persona presente, ed oggi bello condividere con Voi lettori. La premiazione ha visto protagoniste Donne prestigiose  con carisma e grande determinazione  ma soprattutto “belle rappresentanti del mondo Donna”; Liliana Dell’Osso ( Direttore scuola di specializzazione Psichiatria Università di Pisa) il Soprano Orietta Manente, la Senatrice Maria Spilabotte, la Dott.ssa  Serafina Zaffiri ( titolare pastificio Zaffiri) e la Dott.ssa Sonia Sciavo Imprenditrice, Valeria Altobelli, meravigliosa presentatrice e presidente Associazione Mission e la Dott..ssa Teresa Gambucci ( responsabile Reparto Oncologia SS.Trinità di Sora) Tra questi illustri nomi la nostra rubrica di pedagogia con onore e piacere sottolinea come tra le donne premiate ci sia stata una Pedagogista  la Dott.ssa Roberta Baldassarra, che da 30 anni lavora sul nostro territorio.  Un atto questo non di scontato campanilismo ma di riflessione dovuta e profonda per ciò che di buono stà accadendo. In un momento storico nel quale si teme la globalizzazione dei sentimenti e l’eccessiva multimedialità dei gesti, ieri ad Arpino un segnale forte; si deve e può partire dall’ Educazione, che la Pedagogia rappresenta. Occorre  riflettere e fronteggiare i bisogni sociali e morali soprattutto in tematiche sensibilmente delicate come la violenza sulle donne, per farlo risulta necessario costruire una solida base Educativa che ne sappia costruire le fondamenta per la prevenzione.  Come ha chiaramente sottolineato la Dot.ssa Baldassarra: “dobbiamo educare i bambini di oggi per prevenire le violenze di domani.    Alla presenza del Prefetto Dott,ssa Emilia Zarrilli la Dott.ssa Roberta Baldassarra ha sottolineato con carismatica determinazione l’importante messaggio rivolto alle donne non solo come universo a se stante ma come madri, lavoratrici, educatrici figlie e mogli, donne che spesso fanno fatica ad urlare “Basta” ma che possono trovare nella forza della pedagogia delle emozioni la necessaria e non semplice determinazione per voltare pagina. Donne alle quali occorre dare non solo una risposta personale  ma anche sociale. Una risposta pedagogica capace di  Educare i bambini di oggi che saranno gli Uomini di domani, in grado di dar risorse familiari forti e stabili, di costruire contesti educativi solidi e concreti. Un segnale forte e deciso che assolutamente non deve esser scontato. Un plauso ed un ringraziamento alla Dott.ssa Rachele Martino Assessore alla cultura e alla Pubblica Istruzione del Comune di Arpino e energica rappresentante dello sportello SOS Donna  per aver avuto quella delicata sensibilità di parlare di Pedagogia e far parlare la Pedagogia .

Ed un grazie personale alla Dott.ssa Roberta Baldassarra, Pedagogista che da sempre crede e trasmette il valore dell’atto educativo come risorsa e forza !!!

Dott.ssa Monia Morini

Beatrice Baldassarra

Condividi:

Lascia un commento