0

Rubriche – Eventi, Veroli: TRE (artisti) X UNO

Ascolta con webReader
Interessante iniziativa di scultura, pittura e amicizia al Chiostro di Sant’Agostino a Veroli dal 2 al 17 luglio

 

Treperuno2Tre artisti e un’unica passione per l’arte. E’ questo il senso di Treperuno. Tre personalità completamente diverse unite da una profonda amicizia: De Luca, Fanfarillo e Gaetani, sono loro i protagonisti della mostra d’arte che andrà in scena al chiostro di Sant’Agostino dal 2 al 17 luglio 2016. Una cornice suggestiva a fare da sfondo alle opere dei maestri ciociari già conosciuti e molto apprezzati. A guidare l’allegra brigata una ricercatrice e illustre storica dell’arte, la professoressa Cinzia Mastroianni. Ed è stata proprio la Mastroianni, a coniare per l’occasione il termine: “MatericaMente” che è anche il titolo della mostra. Perché MatericaMente?. “L’idea che mi sono fatta è tutta nel titolo – ha spiegato – il problema inizialmente riscontrato era di mettere insieme tre progettualità artistiche distanti tra loro. Ho capito che il punto di partenza era più un rapporto di amicizia che non di affinità artistica. Però, analizzando meglio i lavori di ciascun artista, ho notato che un elemento in comune ce l’hanno e che non riguarda i soggetti o la formazione quanto piuttosto la capacità di usare la materia artistica in “materia potenza”, indipendentemente dalle tecniche sperimentate. Il fascino che riescono a comunicare bene ad un pubblico sia addetto ai lavori che non, è proprio questo: usare la materia è un qualcosa già di per sé forte. Rita De Luca nella scultura ce l’ha innato, utilizza i materiali più disparati e lo fa attraverso forme sintetiche e quello che colpisce l’osservatore non è la forma ma la materia stessa. Altrettanto fanno Paolo Gaetani e Roberta Fanfarillo. Gaetani si costruisce i telai da solo, cosa che non fa più nessuno oggi, tornando a dipingere su tavole di sua produzione. C’è questo aspetto del “fare arte” che loro hanno in comune. Roberta Fanfarillo ha una linea più sofisticata e femminile, però anche in lei c’è esplorazione della materia. Ed è questo l’aspetto che li accomuna. Nel titolo scelto c’è in sostanza la sintesi di tutto”. Tre mondi diversi che si incontrano: è questa la storia di Treperuno, tre artisti che si uniscono per l’uno che è l’arte.

 

Condividi:

Lascia un commento