0

Rubriche – Ciociari nel Mondo: PAOLO DEL MONTE

Ascolta con webReader
Da Sidney a Perth, lo chef fumonese e la malinconia della sua terra
 di Andrea Tagliaferri e Stefania Del Monte

 

L’Australia Occidentale è uno Stato federato dell’Australia che conta circa due milioni di abitanti ed occupa un terzo del continente australiano. Il suo capoluogo è Perth, mentre gli abitanti si chiamano Westralians.

Malgrado questo angolo remoto del pianeta si trovi ad oltre tredicimila chilometri di distanza dalla Ciociaria, nel 1851 un gruppo di monaci benedettini provenienti dalle nostre terre si insediò nel cuore di Perth, dando vita ad un nuovo Monastero e ad una zona oggi conosciuta come “Subiaco”. I monaci trasformarono velocemente quest’area, lavorandone intensamente i terreni e piantando ulivi e frutteti: un ramo d’ulivo è infatti divenuto il simbolo di Subiaco. Ancora oggi l’Australia Occidentale continua ad accogliere e ad adottare i nostri figli. Tra questi si trova Paolo Del Monte, fumonese di seconda generazione, emigrato nella terra dei canguri quattro anni fa:

 

“Sono uno chef con diciotto anni di esperienza. Ho lavorato in Italia per ristoranti stellati e hotel di lusso, poi mi sono spostato a Londra per imparare l’inglese. Vi ho vissuto per oltre due anni, lavorando in diversi ristoranti ed alberghi di pregio; poi, nel 2014, ho deciso di realizzare il mio sogno di sempre e trasferirmi in Australia. All’inizio sono approdato a Sydney.  Quella dello chef è tra le professioni più ricercate nel continente, quindi ho trovato lavoro senza problemi ed ho deciso di iniziare qui la mia esperienza australiana. Dopo qualche mese mi sono trasferito a Perth, sulla costa occidentale, dove ho trovato uno sponsor presso un nuovo ristorante italiano chiamato “Davvero”, per il quale ho progettato anche la cucina. Infine, recentemente mi sono trasferito a Freemantle, presso un locale dal nome “The Kiosk”, dove sto cercando di implementare il menù per renderlo un po’ più “pop”. Il mio trasferimento in Australia ha coinciso, però, anche con un altro avvenimento. Stimolato dai paesaggi meravigliosi che mi circondano, ho infatti cominciato a dedicare sempre più tempo ad un’altra mia grande passione: la fotografia. Oggi quell’hobby è diventato a tutti gli effetti la mia seconda professione e, come fotografo freelance, sto ottenendo delle belle soddisfazioni. Mi dedico soprattutto alla ritrattistica ed alla paesaggistica. La più grossa difficoltà che ho incontrato qui in Australia, invece, è quella dei visti: non tanto quelli lavorativi, che grazie alla mia professione ed esperienza sono facili da ottenere, ma il visto permanente, per il quale serve un livello di inglese piuttosto alto, certificabile solo da centri accreditati dall’ufficio immigrazione. L’esame di idoneità linguistica è decisamente l’ostacolo più duro da superare: una volta risolto quel problema, la strada verso il visto permanente è tutta in discesa. Adoro la Ciociaria: mio padre era di Fumone e mi ha trasmesso l’amore per quella terra. Pur essendo cresciuto a Bergamo, dove la mia famiglia risiedeva per ragioni di lavoro, ho moltissimi ricordi che mi legano a Fumone. Nella casa dei miei nonni paterni ho trascorso moltissimi momenti della mia infanzia e gioventù. Ricordo soprattutto i sapori deliziosi dei pranzi organizzati a casa dei nonni e di zia Angelina, ai quali partecipavano sempre almeno una dozzina di persone, oppure quelli di zio Fausto e zia Zena, che cucinavano anche per mezzo paese. Credo che la mia passione per la cucina e la scelta di diventare uno chef sia nata proprio stando a contatto con quelle persone fantastiche, per le quali cucinare era una gioia da condividere con tutto il mondo: ecco, ora lo è anche per me. Dopo aver iniziato a lavorare, purtroppo, i miei viaggi in Ciociaria si sono molto diradati e da quando sono in Australia è complicato anche solo programmare un viaggio in Italia. Spero che una volta ottenuta la cittadinanza possa essere più semplice, per me, tornare a Fumone e rivivere quelle meravigliose emozioni in famiglia, ritrovando i sapori della mia infanzia.

Condividi:

Lascia un commento